Lenovo Yoga Smart Tab – Recensione

Lenovo Yoga Smart Tab è un tablet Android che con la modalità ambient diventa uno smart display. Di cosa si tratta? Ne varrà la pena?

Confezione

Nella scatola di cartone troviamo il tablet, un cavo dati da USB a type C, manualetti di istruzioni e un caricabatterie da parete con uscita 5 volt 2a .

Qualità costruttiva e usabilità

Il tablet è molto solido grazie all’utilizzo dell’alluminio. Anche il supporto per tenere lo Smart Tab in piedi è solido ma ho avuto qualche sensazione di fragilità. Come prodotto è piuttosto grande e con il peso di 580 grammi che lo rende pesante. L’ergonomia varia dalla modalità in cui si utilizza mentre si sfrutta come normale tablet. Per esempio mentre è in modalità stand il display si muove leggermente, soprattutto se si utilizza una penna capacitiva. Poi da utilizzare solo con le mani non è comodissima, è pesante e la parte degli speaker non migliora certamente il grip. Da appeso al muro può essere comodo per vedere ricette e video su Youtube, ma non è molto pratico per utilizzarlo come tablet, perché si dovrebbe assumere una postura non proprio comoda. Infine la mia preferita è quella Tilt con il prodotto appoggiato sul tavolo ma rialzato. Avere il tablet sollevato migliora il grip ma non si muove il display quindi è comoda. Mentre per godere della bella modalità ambient conviene la modalità stand perchè così si regge da solo e sono richieste poche interazioni con il display.

Componenti

Sul lato frontale, oltre al display da 10,1 pollici, troviamo una fotocamera da 5 megapixel e un sensore di luce ambientale . lo sblocco facciale funziona bene. è veloce e preciso. Sul lato destro è situato il bilanciere del volume, il tasto di accensione/sblocco, un microfono, un jack da 3, 5mm e uno speaker. Sopra troviamo un altro microfono. Sul lato sinistro troviamo un terzo microfono, una porta USB di tipo C, compatibile con OTG ma non dispone di uscita video, e un secondo speaker. Sul retro è situato il supporto per l’incinazione. Sotto di esso c’è la fotocamera posteriore da 8 megapixel e un pulsante che estare lo stand dal suo alloggio e attiva la modalità ambient. Infine c’è uno scompartimento per inserire una micro SD e nelle versioni con modem dati uno slot per scheda SIM.

Scheda tecnica

  • Display: 10,1” IPS Full HD;
  • Processore: Qualcomm Snapdragon 439 octa-core;
  • RAM. 3 O 4 GB;
  • Memoria interna: 32 o 64 GB espandibile tramite Micro SD;
  • Fotocamera posteriore: 8 Megapixel con auto-focus;
  • Fotocamera anteriore: 5 Megapixel con fuoco fisso;
  • Connettività: WIFI Dual band e Bluetooth 4.2, 4G opzionale;
  • Sistema operativo: Android 9.0 Pie con qualche personalizzazione;
  • Batteria. 7000 Mah;
  • Altro: modalità Ambient, stand integrato, tre microfoni, due speaker JBl da 2 Watt con Dolby Atmos, jack da 3, 5mm e USB C 2.0 con OTG.

Modalità smart Hub

Questa modalità mi é piaciuta moltissimo. Si tratta della ambient mode ovvero una schermata, simile ad un Always on display, che mostra alcune informazioni e scorciatoie. Questa modalità si attiva tutte le volte che il Lenovo Yoga Smart Tab é appoggiato con il suo stand su una superficie piana. Si vede subito l‘ora, la data, tra quanto tempo suonano le sveglie e se ci sono notifiche. Sotto queste informazioni troviamo dei comandi rapidi per gestire i propri dispositivi domotici compatibili con Google Home. Per esempio si possono accedere le luci con un solo tap, regolare la temperatura del proprio termostato smart o controllare una Ip-camera. Questa schermata é integrata con l’assistente Google. Questo permette di effettuare richieste ad Assistant con più immediatezza. Basta infatti la parola chiave “Ok Google”, o prendendo il comando a schermo, per chiedergli quasi qualsiasi cosa. Dalle notizie, al meteo, fino ad arrivare a ricerche e promemoria. I tre microfoni del tablet sono molto buoni e permettono all’assistente di sentirci in ogni condizione. Unica cosa, se nella stessa stanza avete già un Google Home o Home Mini, la risposta verrà pronunciata da questi. Altra caratteristica della modalità ambient é lo slide show delle proprie fotografie. Infatti funge da vera e propria cornice digitale attingendo i contenuti dal proprio account Google. Dalle impostazioni dell’App Google, oltre a disattivare questa modalità, possiamo scegliere se farla attivare al click del tasto posteriore, se avete la modalità cornice digitale e e se mostrare il contenuto delle notifiche prima di sbloccare il tablet. Bisogna precisare che le funzioni e la grafica non è la stessa di un Nest Hub ma comunque rimane fatta molto bene.Nei prossimi mesi dovrebbe arrivare la modalità Ambient su alcuni smartphone e tablet presenti in commercio, questo Lenovo rimane comunque migliore per il suo hardware dedicato, come gli speaker, i microfoni e lo stand integrato.

Display

il display è un pannello IPS da 10,1 pollici. Si vede bene e ha una luminosità elevata. Peccato che il sensore di luce ambientale spesso regola a ribasso la luminosità. I colori sono buoni, seppur i neri non siano perfetti. Ma per esempio nella modalità ambient non si nota la differenza. Gli angoli di visione sono buoni, caratteristica da non sottovalutare considerate le varie modalità di utilizzo del tablet .

Connettività

La connettività di questo Lenovo Yoga Smart Tab vanta la connessione WI-FI a doppia banda (supporto reti 2,4 e 5 GHz) che funziona molto bene. Mentre strano trovare il Bluetooth solo in versione 4,2, invece della ormai ben collaudata 5,0, ma comunque non ne preclude in alcun modo l’utilizzo. Esistono alcune versioni con connessione 4G ma non era presente nel mio modello.

Software

Il tablet è basato su Android 9.0 Pie stock con le patch di sicurezza di agosto 2019. Il launcher è il classico simile al Pixel con un paio di impostazioni in più, come la presenza o meno del drawer e la modifica della griglia della home. Un tasto a schermo permette di visualizzare alcuni contenuti video, purtroppo solo in inglese. Si può scegliere tra la classica barra di navigazione, tra le gesture di Pie (quelle con la pillola e il tasto indietro), o la modalità produttività che è una nav-bar con i tasti compressi in modo da avere sempre a portata di vista le ultime cinque app utilizzate.Troviamo la modalità scura. Assistente schermo è un menù fluttuante, attivabile con uno swipe da destra, che permette di abilitare velocemente alcuni funzioni come il non disturbare, screenshot e registrazione schermo. Inoltre permette di disegnare e prendere appunti su qualsiasi schermata visualizzata. Purtroppo non è presente una penna in confezione e non se ne trova una apposita in commercio. Infine troviamo la modalità bambino e le impostazioni di salute digitale. Google Assistant rimane sempre attivo e richiamabile tramite l’omonimo comando o la pressione prolungata. Non ho ricevuto alcun aggiornamento in queste settimane di prove. Ma Lenovo è un produttore poco rapido ma non abbandona i propri dispositivi.

Prestazioni

Seppur il tablet sia di fascia media, il processore a bordo Snapdragon 439 è di fascia inferiore. L’apertura delle app non è fulminea, ma dopo qualche secondo di attesa, sono tutte fluide in molte occasioni di utilizzo. La tastiera Gboard permette di digitare rapidamente. Vi consiglio di scegliere la versione 4/64 perché oltre al maggiore storage di archiviazione, permette di conservare piu app in esecuzione. Non è un prodotto da gaming ma qualche gioco casuale lo si può eseguire. Si scrive bene con la tastiera Gboard.

Fotocamere e audio

L’applicazione fotocamera è molto semplice con poche opzioni. La fotocamera principale da 8 Megapixel ha l’autofocus, mentre la fotocamera frontale da 5 MPx ha il fuoco fisso. Gli scatti sono abbastanza rapidi ma appena sufficienti. Mentre il reparto audio è ottimo grazie ai due altoparlanti JBL da 2 Watt ciascuno e l’equalizzazione Dolby Atmos. Il volume è molto alto e il suono è corposo e ben definito, con anche un pò di bassi. Non manca il jack da 3 ,5 mm.

Autonomia

Chiaramente l’autonomia varia dal tipo e della modalità di utilizzo. usando il lenovo Yoga in modalità Ambient si arriva alla sera del secondo giorno. Se invece si utilizza solo come tablet due o tre giorni intensi si raggiungono, oppure anche più giorni costituiti da un’ora giornaliera. Se invece di giorno si usa in modalità ambinet e la sera come tablet, andrà ricaricato tutte le notti.

Prezzi

Il prezzo di listino sul sito Lenovo è di 249 Euro per il modello 3/32 solo WI-FI e 299 per la variante 4/64 (solo WIFI). Mentre su Amazon si trova la variante 4/64 a 262, 50 euro (spedizione da venditore terzo), mentre la versione base costa appena di più del listino. In entrambi casi un prezzo onesto per quello che offre.

Acquista su Amazon: modello 3/32

modello 4/64

Conclusioni

Si tratta di un prodotto che mi è piaciuto molto per la sua versatilità. Se infatti cercate un dispositivo che possa essere utilizzato sia come uno smart display per controllare la domotica, o per porre domande all’assistente Google che come normale tablet Android. Comode anche le tre modalità di utilizzo anche se non tutte le ho apprezzate. Mentre come tablet è un normale prodotto di fascia medio-bassa, tranne per le aggiunte degli altoparlanti, i tre microfoni e lo stand integrato. Ringrazio l’ufficio stampa di Lenovo per avermi fornito il prodotto in prova.

Share This Post
Change privacy settings
Enable Notifications    OK No thanks