Fossil Gen 6 FTW6078 recensione

Fossil FTW6078 è uno dei modelli da donna del nuovo smartwatch Gen 6. Troviamo la ghiera d’argento con i brillantini, una cassa da 42 mm e un cinturino d’argento da 18 mm. Ma consiglio comunque la lettura ad un pubblico maschile perché  FTW6078 ha le stesse specifiche tecniche interne delle versioni da uomo. Ve ne parlo nella recensione di Fossil Gen 6 FTW6078.

Confezione Fossil Gen 6 FTW6078

Il prodotto arriva nella classica confezione di cartone con il coperchio in plastica per mostrare il design del modello scelto. Al suo interno c’è invece solo smartwath con già cinturino applicato e il cavo di ricarica magnetico.

Qualità costruttiva

Dal punto di vista estetico è sicuramente gradevole per un pubblico femminile. Infatti troviamo la ghiera in alluminio con brillantini e il cinturino da 18 mm nel medesimo materiale. Quest’ultimo non mi è piaciuto perché, seppur sia molto comodo, è troppo largo ed è di quelli che bisogna rimuovere le maglie e non è propriamente comodo. La qualità costruttiva sia di cinturino che cassa e ghiera è ottima. Mi è sembrato sempre solido e resistente. Nonostante il braccialetto mi stesse largissimo non si è fatto nulla. Si può però sostituire facilmente visto che l’attacco è standard da 18 mm. Troviamo la resistenza ad immersioni fino a 3 ATM. La cassa da 42 mm è idonea ad un polso femminile.

Componenti

Frontalmente troviamo un display AMOLED da 1,28 pollici con una cornice abbastanza ridotta. A destra troviamo una rotella che permette di scorrere tra i menù. Troviamo poi due pulsanti fisici che si possono personalizzare a proprio piacimento. Di default quello superiore apre l’app benessere mentre l’altro Google Pay per i pagamenti. Al di sotto della cassa troviamo il connettore di ricarica e i sensori del cardiofrequenzimetro e del battito cardiaco.

Scheda tecnica Fossil Gen 6 FTW6078

  • Display: 1,28″ AMOLED con risoluzione 416 x 416 e 326 ppi;
  • Processore: Qualcomm Snapdragon Wear 4100+;
  • Ram: 1 GB;
  • Memoria interna: 8 GB;
  • Cinturino: acciaio inossidabile da 18 mm;
  • Cassa: acciaio inossidabile da 42 mm;
  • Connettività: WiFi, NFC SE, GPS, Bluetooth 5.0;
  • Sensori: Cardiofrequenzimetro, SPO2, Accelerometro, Altimetro, Luce ambientale, Compass, Giroscopio, IR off-body;
  • Sistema operativo: Wear OS 2.0 by Google;
  • Batteria: 300 mAh;
  • Altro: altoparlante, microfono, resistenza all’acqua  3 ATM.

Display

Troviamo un display AMOLED da 1,28 pollici con risoluzione 416 x 416 e 326 ppi. La luminosità è buona e il sensore funziona come si deve. Troviamo l’always on display che però è meno luminoso. Si vede bene anche al sole. I colori sono fedeli. Il touchscreen è preciso. Si vede bene anche al sole. I colori sono fedeli. Il touchscreen è preciso. Wear OS mette a disposizione molte watch faces, di cui molte con una schermata per l’always on.

Connettività

Il WIFI è mono band ma funziona molto bene. Il Bluetooth 5.0 è stabile affidabile. Il GPS ha un fix rapido. Troviamo anche l’altimetro e la bussola. Si può rispondere e effettuare chiamate. Si sente abbastanza bene in ambienti non troppo affollati. Si può anche collegare auricolari Bluetooth per ascoltare musica tramite Gen 6. Il chip NFC consente di pagare con Google Pay.

Parte Fitness

La parte fitness è composta da due app installate sullo smartwatch: Google Fit e Benessere di Fossil.

Google Fit è il classico applicativo che troviamo su tutti Wear OS. Si occupa di contare i passi, i punti cardio, calorie e misurare il battito cardiaco. Permette anche di visualizzare tutti i dati raccolti. 

Benessere é invece un’altra applicazione per monitorare attività, sonno e battito cardiaco e SPO2. Esattamente come l’app di BigG si integra con Google Fit per visualizzare i dati su uno schermo più grande dello smartphone o del computer. Dai miei test i due programmi sono abbastanza equivalenti con molte caratteristiche in comune. Benessere é più intuitiva mentre Google Fit più completa.

La rilevazione dei passi é molto precisa. La misurazione del battito cardiaco è molto precisa. Mentre l’ossigenazione del sangue mi sembra un pò troppo rapida e solo abbastanza precisa. Troviamo poi la rilevazione del sonno con differenza tra leggero e pesante.

Software

Troviamo il sistema operativo Wear OS by Google. Si possono applicare diverse watch faces scaricabii dal Play Store. Con uno swipe dall’alto si visualizzano i toggle rapidi. A sinistra c’è la schermata Google e a destra tutti i widget tra cui fitness, telefono e meteo. Dal basso invece si apre l’ elenco delle applicazioni. Poi come non citare ma migliore gestione delle notifiche del panorama Android. Come non citare poi Google Assistant per chiedere informazioni, controllare la domenica e molto altro. Troviamo l’assistente vocale Alexa ma sarà effettivamente attivo solo prossimamente. Nei primi mesi del 2022 arriverà l’aggiornamento a Wear OS 3.0

L’app Wear OS, disponibile gratis su Google Play Store e App Store permette di gestire e sincronizzare il proprio Gen 5. Si può scegliere da quali app ricevere le notifiche e scegliere i quadranti. Poi si può gestire gli account Google e l’always on display o rotazione per attivarlo.

Notifiche

La gestione delle notifiche di Wear OS è tra le migliori. Infatti si può rispondere con tastiera, risposte pre impostate e emoji oppure segnalare come letto il contenuto. Poi sono supportate le immagini.

Prestazioni

A bordi di Fossil Gen 6 troviamo il nuovo SOC Qualcomm Wear 4100+ con un 1 GB di RAM e 8 GB di memoria per app e dati. Si tratta di uno smartwatch sempre fluido e reattivo con aperture delle app rapide. Può però capitare qualche rallentamento ma niente che possa inficiare l’utilizzo. Messo a confronto con un Fossil Gen 5 si nota un po’ di differenza ma nulla di trascendentale.

Autonomia

Purtroppo l’autonomia è rimasta il punto di debolezza di Fossil Gen 6. Copre infatti una sola giornata con un solo 30% residuo la sera. Qualche volta si può fare un giorno e mezzo monitorando il sonno la notte ma non sempre è possibile. La ricarica è molto veloce e utilizza una base con due pin magnetici. Insomma poca differenza con un Gen 5, anche se rispetto al predecessore è meno difficile avere carica a sufficienza per misurare il sonno.

Conclusioni

Fossil Gen 6 è disponibile sul sito ufficiale e su Amazon tra i 299 e i 329 Euro in base al mio modello. Questo FTW6078 è uno di quello dal prezzo massimo. MI è piaciuto molto per design, prestazioni e parte smart. L’autonomia rimane ancora il suo tallone d’Achille. Vale la pena il passaggio da Gen 5 a Gen 6? Dipende se si ha necessità del nuovo Wear 4100+ e dell’ossigenazione del sangue. Per gli altri no. Ringrazio Fossil per il sample.

Share This Post
Enable Notifications    OK No thanks